giovedì 26 settembre 2019

LEGGERE! LEGGERE! LEGGERE!

Anche quest'anno "tutti siamo chiamati ad acquistare un libro in Libreria e donarlo alle biblioteche scolastiche gemellate. Alla fine della raccolta gli Editori contribuiranno con un numero di libri [speriamo quest'anno bellissimi!] pari alla donazione nazionale complessiva, fino a un massimo di 100.000 volumi, suddividendolo per le Scuole partecipanti!"
Purtroppo spesso questo è l'unico modo per aggiornare le nostre biblioteche scolastiche. E questa è comunque una nota di cui non essere fieri. Anzi! Fino a quando gli organismi istituzionali competenti non faranno propria l'importanza delle biblioteche scolastiche e non promuoveranno politiche non estemporanee che le favoriscano, possiamo solo aiutare lo sviluppo del loro patrimonio con questa iniziativa dell'AIE. Peccato che con #ioleggoperché non si possano 'acquistare' bibliotecari scolastici, di cui le biblioteche scolastiche sono DA SEMPRE prive!!!

Riprende la scuola, riprendono le attività di promozione della lettura Mentre il Centro per il Libro e la Lettura (CepeLL) ci ricorda l'appuntamento di lettura nelle scuole e mentre l'associazione Teste Fiorite promuove l'iniziativa Lasciami leggere a scuola, in città riprendono gli eventi legati alla lettura, rivolti a ragazze e ragazzi (ma non solo: anche ai loro genitori, parenti, insegnanti, appassionati, ...!). Il programma completo e sempre aggiornato lo trovate qui.
Quest'anno Libriamoci a scuola si terrà tra l'11 e il 16 novembre. Temi suggeriti quest'anno sono:
- Gianni Rodari: il gioco delle parole, tra suoni e colori, in vista del centenario dalla nascita nel 2020;
- Noi salveremo il pianeta, sul ruolo decisivo delle nuove generazioni nella lotta ai cambiamenti climatici;
- La finestra sul mondo: perché leggere i giornali, un tema che emergerà soprattutto attraverso le riflessioni con i giornalisti che aderiranno come lettori.

Dal sito dell'associazione: "Lavorando con i libri e la lettura imbatterci, collaborare e scontrarci con la realtà scolastica è all’ordine del giorno. [...] La domanda che mi pongo, sempre, e che mi viene sempre posta, è sempre la stessa: come si fa a far leggere? Come si cresce lettori? La risposta è, sempre, la stessa: leggendo!! Leggendo ad alta voce a casa e a scuola, promuovendo il prestito di libri (SENZA schede di lettura e prove di comprensione), lasciando leggere liberamente, facendosi veder leggere..."